PRANZO NATALE 2020
Prenotazioni chiuse
Vi aspettiamo Domenica 20 Dicembre 2020 dalle ore 12.00 alle 13.00 !!






NEWS LETTER GRIFONI
Tieniti informato sulle novità

Iscriviti qui Newsletter Grifoni
Filtra le notizie per tipologia:

16/12/2012, 22:48

ODERZOLIVENZA FA SCAPPARE IL SILEA CAPOLISTA, POI LO RAGGIUNGE, MA ALLA FINE DECIDE DI BUTTARE LA PARTITA: 21-37

di Mauro “Boci” Carpenè (e Nicholas Strohbach...)

Ci presentiamo all’appuntamento con la capolista Silea determinati a riscattare la figuraccia di Castelfranco, forti anche dei rientri nei trequarti di Nicholas e Timoteo, e di Mihai in mezzo alla prima linea. Il jolly Daniele con un doppio salto mortale rovesciato passa da tallonatore a mediano di mischia, mentre all’apertura viene schierato il debuttante “Red” Piazza. Emozionato come un bambino al primo giorno di scuola, in panchina si accomoda pure un rientrante Christian Saccon.

Inizia la partita e dopo una manciata di minuti una errata salita difensiva nei nostri 22 apre un corridoio alla loro apertura che va a depositare la palla in meta. Non ci demoralizziamo e cerchiamo di giocare tutto, ma nonostante un buon possesso non riusciamo quasi mai a mettere il naso fuori dalla nostra metà campo e a renderci seriamente pericolosi. Riemergono anche i problemi di disciplina che prima fruttano altri 3 punti agli avversari per una calcio di punizione, poi ci lasciano in 14 per un giallo a Red, causa fallo ripetuto. In mezzo a tutto questo la seconda mazzata arriva verso la fine del primo tempo: il Silea calcia fuori, noi effettuiamo un pasticcio nel tentativo di rimessa veloce, e regaliamo la palla ad un avversario che se ne va a segnare.

Terminiamo i primi quaranta minuti giocando in attacco ma senza riuscire a portare a casa punti. Parziale 0-17.

Nella seconda parte di gara ci organizziamo e iniziamo a guadagnare metri fino ad arrivare a giocare nei loro 22. In quel frangente Gigi batte veloce un calcio di punizione assegnatoci e arriva a schiacciare. Red trasforma e ci riportiamo sotto. Il Silea non si fa scoraggiare, si porta vicino alla nostra linea di meta e dopo una serie di maul e ripartenze che riusciamo a contenere, trova una super-superiorità al largo che gli concede la terza meta.

Ma questo è il nostro miglior momento: contrattacchiamo subito e prima con una rolling maul generata da una touche, poi con una serie di pick and go, segniamo due mete con capitan Rossi che, entrambe trasformate, ci portano sul 21-24. Purtroppo a questo punto, invece di affondare il colpo, decidiamo di gettare tutto alle ortiche (mi viene piuttosto in mente una celebrata zona dell’anatomia femminile, ma ci potrebbero essere dei minori che leggono…). Prima becchiamo un altro giallo perchè Boci, come un tordo (ebbene sì, me le dico da solo), decide di fare giustizia sommaria su un avversario in evidente fuorigioco in una nostra maul, con conseguenti 3 punti per gli altri, poi l’arbitro interpreta male un tentativo del Killer di togliere amichevolmente una pagliuzza dall’occhio di un giocatore del Silea: rosso diretto e ultimi minuti in 13. Ovviamente gli ospiti spingono fino alla fine per trovare la meta del bonus, e raggiungono l’obiettivo con un calcetto basso che ci coglie impreparati e gli permette di segnare.

Alla fine i nostri sguardi esprimono l’amarezza per l’ennesima occasione sprecata: in tutti era nata la convinzione che, quando ci siamo portati sotto col punteggio, la vittoria era a portata di mano. Ora abbiamo un mese di pausa prima del recupero con il Feltre del 20 gennaio e dobbiamo lavorare duro soprattutto sul piano della disciplina e della tenuta mentale. Niente è perduto ma non possiamo sbagliare più niente se vogliamo toglierci delle belle soddisfazioni la prossima primavera. Appuntamento quindi al 2013 (profezie Maya permettendo). FORZA BESTIE!!!

Hanno giocato Frara T., Giuriolo (st. Dal Bo,), Martin, Strohbach, Scussat, Piazza, Zanchetta (st. Baldo) Santarossa, Fiorentino, Rossi, Giordano, Carpenè, Stival, Radu, Colella (st. Piovesan), a disposizione Corai, Del Puppo, Saccon, Pompilii.

Hanno segnato: 4 mete trasformate e 3 piazzati per Silea, 2 mete di Rossi e una di Fiorentino, tutte e tre trasformate dall'esordiente Matteo Piazza per OderzoLivenza

Edizione straordinaria, questa volta abbiamo anche il commento di Nicholas...

 

Bella partita, emozionante fino all' ultimo. 7 Mete (3 per l'OderzoLivenza, 4 per il Silea) hanno reso la gara molto piacevole da guardare ma soprattuto molto piacevole da giocare.

Primo tempo in mano al Silea che passa prima con l'apertura (veramente un bel giocatore, dal punto di vista rugbystico) che da un calcio giocato veloce sorprende tutti trovando il pertugio giusto. Segue un calcio piazzato in mezzo ai pali. Seconda meta nata da un erroraccio dell'OderzoLivenza che, battendo una touche veloce (così veloce che solo quello che l'ha battuta si è reso conto di quello che stava facendo...) regala la palla a un avversario che si invola in meta, poi trasformata. Solo alla fine del primo tempo i padroni di casa si svegliano e mettono un po' di pepe al c*** ai propri avversari che però si difendono bene.

Comunque: due cappelle, due mete. 0-17, viaggetto in pachina, lavata di capo, cambio campo, palla al centro.

Nel secondo tempo la musica cambia per quasi tutta la durata della ripresa. Il gioco passa in mano alle Bestie che prima segnano con il solito Fiorentino, punizione giocata veloce e palla in meta, e poi passano con una rolling maul nata da touche ai 5 mt. Entrambe le mete trasformate da Piazza, per la prima volta in campo da aprile, autore di un'ottima prova per i suoi 18 anni. Il Silea non ci sta e reagisce, tornando nella metà campo delle Bestie e trovando una meta al largo ben costruita dopo numerose fasi vicine ai raggruppamenti creatisi. L'OderzoLivenza reagisce, preme e trova la terza meta con capitan Rossi abile a sfruttare una mancata guardia vicino al raggruppamento. Piazza trasforma: 21 - 24 partita riaperta, forse.

Sì, forse, perchè noi siamo masochisti, quindi per non sbagliarci in 10 minuti prendiamo 2 gialli e un rosso (tanto per cambiare, no?) e il Silea ci punisce, prima con due piazzati nati (punizione divina!!) dalle punizioni punite coi cartellini, e poi con una meta d'altri tempi. Silea a tempo scaduto, a caccia del bonus, da una punizione sui 22 giocata alla mano, dimostra di essere squadra mai doma e soprattuto rugbysticamete intelligente. Calcetto dietro la difesa, che colpevolmente sale tutta su una linea senza coprire dietro, che manda in meta di nuovo l'apertura. Bonus acciuffato e fine della gara.

Un gran peccato per noi, anche perchè le squadre si sono equivalse. Silea vince e consolida la propria leadership.

Ultima modifica: 18/12/2012 alle 19:59

Indietro