PRANZO NATALE 2020
Prenotazioni chiuse
Vi aspettiamo Domenica 20 Dicembre 2020 dalle ore 12.00 alle 13.00 !!






NEWS LETTER GRIFONI
Tieniti informato sulle novità

Iscriviti qui Newsletter Grifoni
Filtra le notizie per tipologia:

08/12/2019, 21:14

GRIFONI ODERZO RC FIRST XV vs RUGBY SILEA 1981-CAMPIONATO SERIE C GIRONE 2-POULE 2 VENETO

GRIFONI ODERZO RC FIRST XV vs RUGBY SILEA 1981   17-8 (pt 10-3)

DOMENICA 8 DICEMBRE 2019

#FirstXV - Vittoria casalinga per i nostri ragazzacci, che al termine di una partita combattuta con orgoglio si impongono su un Silea che ha dato battaglia fino alla fine. Una gara aperta, vibrante, nella quale il pacchetto di mischia biancorosso ha sofferto la maggiore abilità degli avversari nelle mischie ordinate, sapendo però restituire la pariglia nelle fasi dinamiche. Sugli scudi la linea arretrata, che ha sfoggiato numerose azioni d’attacco degne di nota, dimostrandosi poi impenetrabile in ogni occasione in cui i backs avversari hanno tentato, senza successo, di creare un minimo pertugio in cui infilarsi.

Le prime segnature nascono da calci di punizione, bravamente trasformati dagli opposti calciatori. La prima meta dei Grifoni si origina invece da una bella azione corale in avanzamento, molto ben finalizzata dal giovane e abilissimo Teo Toffolon, che sopravanza al largo due avversari sulla sua destra e poi, raddrizzato l’asse di corsa, si sbarazza degli inseguitori con un guizzo dei suoi. Quercini trasforma e siamo 10 a 3. Insistiamo sia sull’asse che per linee laterali, costruendo alcune azioni in penetrazione che purtroppo non trovano degna finalizzazione a causa di alcuni meccanismi gestionali che dovremo migliorare. Ma ci rendiamo pericolosi e manteniamo anche lontani i nostri avversari dalla zona di pericolo. Quando poi, per volontà pervicace di una segnatura pesante, i nostri rivali si insediano nei 22 in attacco, siamo abili a disinnescare le loro giocate offensive recuperando due importanti possessi e allontanando il pericolo con il piede educato dei nostri calciatori più affidabili.

Registriamo purtroppo l’infortunio della nostra apertura Francesco “Quercio” Quercini, che su un pallone vagante si getta con voluttà scontrandosi purtroppo con un avversario altrettanto intenzionato a farlo proprio. Tanti auguri da tutti noi, caro Quercio, ci auguriamo tu possa tornare al gioco quanto prima nonostante tutto. Termina il primo tempo, riordiniamo le idee con Coach Rinaldo e ci rituffiamo nell’agone del confronto con rinnovate motivazioni ed idee. Il balsamo della pausa pare averci conferito nuova baldanza, tanto che ci installiamo nella metà campo avversaria e con abilità trasformiamo il possesso in opportunità, obbligando una difesa in affanno a lasciare libero lo spazio per passare lungo l’out di sinistra. Mani rapide e gambe veloci portano Dade Buoro in meta acrobatica, altrettanto pirotecnica la trasformazione ed il break importante è costruito. Il silea non ci sta, si consolida sulle sue piattaforme di gioco che gli concedono fiducia e prova a martellarci con un gioco fatto di possesso e tentativi di avanzamento palla in mano. La nostra difesa si fa coriacea e qualche volta fallosa, ma respingiamo con coraggio e disciplina ogni tentativo avversario. Solo un evento anomalo potrebbe cambiare l’ineriza della gara, pensiamo, ed in effetti un crosskick tentato con scarse speranze si trasforma in un assist millimetrico, grazie ad un rocambolesco rimbalzo dell’ovale sul terreno, a qualche centimetro dall’out. Buona raccolta dell’uomo all’ala, che schiaccia scavalcando un Barbieri in tentativo disperato di rimonta. Il break è ancora corposo, consente di prendersi qualche rischio calcolato in difesa e ne approfittiamo. Rimaniamo compatti, continuiamo a soffrire in chiusa, ma inventiamo anche delle folate offensive che potremmo pure concretizzare in punti, se usassimo un cinico pragmatismo. Cerchiamo invece il colpo del KO, vanificando però quanto di buono costruito per un eccesso di frenesia. Silea si riavvicina con disperazione e calore, sostenuto da una panchina in scomposta fibrillazione. Marosi biancoblu si infrangono veementi su una difesa opitergina rocciosa, punita talvolta dall’arbitro Sig. Milan per dei fuorigioco dettati dalla frenesia dei nostri Grifoni, determinati a non concedere segnature pesanti. Ai lati dei breakdowns lo scontro si fa al calor bianco, mentre nei tentativi di spostare l’ovale al largo il terreno perso dagli ospiti palesa una evidente supremazia dei nostri backs. Il tempo scorre inesorabile, la stanchezza diventa protagonista, nessuno cede e su un perfetto movimento a tenaglia causiamo un tenuto avversario che ci regala palla e fischio finale, quando Buoro scaglia il pallone verso una tribuna festante.

Bravi Fioi, Bravi Grifoni ! Una bellissima vittoria, ottenuta anche in un momento di difficoltà per le molte assenze per infortunio e per l’attuale mancanza di alcuni giocatori, per noi importanti pedine di questo gruppo di giovani atleti. Si festeggia come è giusto che sia, ma da lunedì si ritorna in campo per preparare la sfida alla capolista Montebelluna, oggi vincente di un punto in trasferta al Lido.

#GrifoniAmByth

 

FORMAZIONE: Toffolon; Mirodone, Buoro Davide, Polotto, Zambon; Quercini, Taffarel; Antoniol, Dalla Francesca, Bettio; Fabris, Bonotto; Pedron, Faggiano, Singh

ENTRATI: Barbieri, Fasan Riccardo, Martin

A DISPOSIZIONE: Fasan Roberto, Ohwovoriole, Pedroza Doumath, Tardivo

ALLENATORE: Bonato Rinaldo

Ultima modifica: 12/12/2019 alle 14:26

Indietro