PRANZO NATALE 2020
Prenotazioni chiuse
Vi aspettiamo Domenica 20 Dicembre 2020 dalle ore 12.00 alle 13.00 !!






NEWS LETTER GRIFONI
Tieniti informato sulle novità

Iscriviti qui Newsletter Grifoni
Filtra le notizie per tipologia:

06/11/2011, 17:40

CONEGLIANO E’ UNA BUONA SQUADRA MA NOI NON GIOCHIAMO BENE E PERDIAMO 35-8

Non era questa la partita da vincere a tutti i costi, e non si può dire che abbiamo solo subito senza mettere mai gli altri in difficoltà. Ma nella partita contro Conegliano la differenza è stata il risultato di tanti piccoli errori ed imprecisioni da parte nostra, che nell’insieme hanno fatto volume, che hanno permesso ai nostri avversari dapprima di prendere il largo poco alla volta e poi alla lunga di vincere meritatamente ampliando il divario nel finale. Avevamo già provato la solidità e l’esperienza di Conegliano e non ci illudevamo sulla durezza della sfida, ma abbiamo tenuto a lungo il campo senza sfigurare e abbiamo ceduto solo nell’ultimo quarto di gara, dopo aver dato l’impressione di poter anche mettere in difficoltà gli avversari e tornare sotto nel punteggio.

Comunque, il fatto di aver incontrato una squadra solida e qualche momento di buon gioco poi non tradotto in punti non bastano a risollevare un bilancio che per questa partita resta poco soddisfacente, senza togliere niente all’impegno della squadra. In questo momento le cose non funzionano abbastanza bene per giocarcela davvero contro squadre forti, che poi infatti sul campo danno l’impressione di stare un gradino sopra di noi. Se crediamo davvero che il nostro potenziale sia (più o meno) altrettanto buono, per verificare se davvero siamo in condizione di giocarcela contro tutte le squadre del girone, dobbiamo prepararci con molta voglia e molto scrupolo, dobbiamo saper soffrire e fare ciascuno la propria parte con umiltà e coraggio. C’è parecchio da lavorare e da questo lavoro dipende in sostanza l’esito della stagione, la possibilità di provare davvero a combinare qualcosa di buono piuttosto che navigare senza preoccupazioni e senza ambizioni nella fascia centrale della classifica.

Conegliano parte avanti e mette tre punti con un piazzato, ma alla prima occasione Oderzo Livenza va in meta in prima fase con una partenza da mischia aperta nei 22 e palla fuori a Paolo da Rugna che mette giù per il 3-5. La partita è appena cominciata e il gioco è abbastanza equilibrato, la prevalenza territoriale di Conegliano non è netta ma frutta punti con un altro calcio, perché non siamo abbastanza disciplinati e loro hanno notoriamente un ottimo piazzatore che la mette anche da distante. Il primo vero break nel punteggio lo becchiamo facendoci sorprendere da un inserimento che porta la palla in mezzo ai pali. Poi becchiamo un giallo per uno sgambetto (non grave, involontario, dovuto a una scivolata) e un terzo piazzato per un totale di 16-5. La sensazione è che facciamo fatica a reagire. Timoteo Frara ci riporta più sotto mettendo dentro un calcio ma perdiamo Santarossa per infortunio. Primo tempo 16-8 e partita abbastanza aperta: niente di quello che è si è visto sembra escludere un recupero, anche se noi soffriamo più di loro pioggia e palla viscida e loro nell’insieme ci hanno messo più pressione, mentre noi li abbiamo impensieriti un po’ ma solo occasionalmente.

Inizio ripresa che ci vede apparentemente più aggressivi e dinamici: sembriamo in condizione di prendere l’iniziativa ma non riusciamo a gestire la palla con lucidità e ci facciamo sempre fermare, specialmente da errori alla mano. Questa volta è Conegliano che, esauritosi il nostro slancio iniziale, segna praticamente alla prima occasione, spostando bene la palla in avanti col piede e sfruttando una mischia per segnare in prima fase. Accusiamo il colpo e dopo pochi minuti ci facciamo trovare scoperti al largo da un soprannumero che permette la meta sulla bandierina. 28-8. Partita chiusa e animo solo quanto basta per cercare di resistere in modo da impedire il bonus agli avversari, che premono ma trovano una resistenza affannosa ma accanita. Forse ce la faremmo anche, ma proprio quando manca poco alla fine regaliamo il punto in più perdendo palla in area di meta senza riuscire neanche ad annullare.

Il bilancio lo abbiamo già fatto: non ci sono preoccupazioni ma la consapevolezza  che il lavoro fatto fin qui non è abbastanza e che ci vuole altro. Domenica arrivano i Mostri, che hanno perso con Bassano 34-8 quasi come noi con Conegliano, che avevano battuto Altovicentino 9-25 prima di perdere a tavolino, che hanno perso di misura 11-3 in casa di Feltre e hanno battuto di 3 punti  Alpago (che con noi ha vinto). Tra calendario e disavventure hanno zero in classifica e verranno con tutta l’intenzione di toglierlo. Anche questa sarà tutt’altro che una passeggiata e per avere delle buone possibilità dobbiamo prepararci bene. Forza FIOI!

Hanno giocato: R. Martin, Sartor, Damo, T. Frara, Da Rugna, Strohbach, Balliana (68’ Cerna), De Bortoli (68’ Padoan), Rossi, Fiorentino, Santarossa (40’ Marson), Pessotto, Carpenè (52’ Colella), Bergamo (55’ Spricigo), Radu. A disp. Nadalon, Sordon. All. Brochetto, Dalla Ca’, Zanusso.

Hanno segnato: 3’ cp. Conegliano (3-0), 8’ m. Da Rugna nt. (3-5), 15’ cp. Conegliano (6-5), 24’ m. Conegliano tr. (13-5), 30’ cp. Conegliano (16-5), 36’ cp. T. Frara (16-8), 56’ m. Conegliano tr. (23-8), 60’ m. Conegliano nt. (28-8), 76’ m. Conegliano tr. (35-8).

Ultima modifica: 10/11/2011 alle 02:00

Indietro