PRANZO NATALE 2020
Prenotazioni chiuse
Vi aspettiamo Domenica 20 Dicembre 2020 dalle ore 12.00 alle 13.00 !!






NEWS LETTER GRIFONI
Tieniti informato sulle novità

Iscriviti qui Newsletter Grifoni
Filtra le notizie per tipologia:

28/03/2011, 00:12

ANCHE IL LEMENE CI IMPEGNA SERIAMENTE E CE LA DOBBIAMO SUDARE: PARTITA EQUILIBRATA CHE ALLA FINE VINCIAMO 30-10

Il Lemene viene a confermarci che di sentirsi troppo sicuri non è proprio il caso. Vinciamo, anche con un discreto scarto, ma ce la dobbiamo conquistare tutta e ci riusciamo solo nel finale, dopo aver commesso diversi errori piccoli e grandi e contro una squadra molto giovane, che anche per questo ha fatto qualche errore di inesperienza, ma che ha giocato una partita volitiva e ci ha impegnato severamente sfruttando bene le proprie possibilità. Alla fine la forza della squadra è venuta fuori ma, come altre volte, abbiamo corso qualche rischio che forse si poteva evitare con un po’ più di freddezza e disciplina.

In realtà cominciamo abbastanza bene, giochiamo avanti il primo quarto d’ora, creiamo un paio di occasioni belle limpide con i ¾, che però prima fanno il break e poi si lasciano scappare la palla, quindi facciamo la prima meta quando Mario Balliana tenta un drop e lo sbaglia di poco, ma permette a Zanetti di correre in area di meta e mettere giù sfruttando l’esitazione della difesa. Poco dopo Bozzo mette un calcio in posizione favorevole e siamo 10-0. L’inerzia sembra a nostro favore, anche contando che gli avversari non hanno mai messo fuori il naso, ma la prima volta che lo fanno un passaggio disgraziato uscito non si sa come offre loro un’occasione d’oro in mezzo ai pali: 10-7. Niente di compromesso, ma evidentemente non è uno di quei giorni in cui tutto gira giusto. Torniamo avanti ma il Lemene ha preso fiducia e porta pressione con buona aggressività, restiamo nei loro 22 ma quando troviamo spazi commettiamo errori: un calcio lungo controllato male dagli avversari ci permette di arrivare sulla linea di meta. Sembra fatta ma non è così: però è punizione per noi, la palla va a Mihai che entra in meta ma perde palla in avanti e l’azione sfuma. Portiamo a casa solo un altro piazzato. Nel finale del tempo cediamo addirittura l’iniziativa e, pur senza offrire occasioni troppo evidenti, cominciamo a soffrire un po’ nella nostra metà campo e concediamo un calcio a nostra volta. Fine primo tempo 13-10 e ripresa tutta da giocare.

I primi 15’ sono un tormento: il gioco è continuamente interrotto da errori ed infrazioni dalle due parti. Noi in particolare facciamo di tutto per riconsegnare la palla agli avversari appena ci arriva in mano: “in avanti” di continuo, qualche fallo che ci ributta indietro appena conquistiamo un po’ di spazio, gioco poco ordinato nelle ruck e dintorni. La palla è sempre ferma e si gioca una gran quantità di fasi statiche, nelle quali siamo abbastanza spesso superiori, senza che però per questo riusciamo a organizzare un gioco d’attacco efficace. Il Lemene arriva un paio di volte ai 5 metri ma riusciamo a respingere gli attacchi, anche se fatichiamo a uscire dai 22. Allunghiamo un po’ con un calcio da lontano di Naressi, ma dobbiamo aspettare l’ultimo quarto di partita per tornare nella metà campo avversaria e finalmente aprire bene la palla e trovare lo spazio per segnare, prima con Naressi e poi con Damo. Bozzo trasforma e siamo 30-10 a circa 5’ dalla fine. Proviamo a fare la meta del bonus ma il tempo è poco e gli avversari non cedono.

La vittoria ci basta: anche Pordenone non ha fatto il bonus in casa con Rubano e il vantaggio resta ampio come prima. Avremmo voluto essere i primi a prendere il bonus con il Lemene, ma loro sono stati bravi a impedircelo e hanno giocato una buona partita. L’importante in prospettiva è riuscire a reagire bene anche quando le cose non girano perfettamente e mantenere ordine e lucidità, cosa certamente molto più facile da dire che da fare. Ma Brocca e Zanusso ci lavoreranno sopra. Prossime due domeniche Mirano (9 vittorie) e Udine (12 vittorie): diamo per scontato che saranno prove difficili come le ultime due, e in più siamo fuori casa. Non è il caso di permetterci distrazioni.


Hanno giocato: Naressi, Contò (18’st. Martin S.), Sartor (21’st. Martin R.),  Damo,  Zanetti (22’ st. Marturano), Bozzo, Balliana, De Bortoli (14’ st. Sanson), Zoia (33’ st. Sordon), Moino, Santarossa (30’st. Saccon), Furlani, Radu, Spricigo (18’ st. Bergamo), Carpenè. All. Brochetto.

Hanno segnato: 3’ m. Zanetti tr. Bozzo (7-0), 13’ cp. Bozzo (10-0), 15’ m. Lemene tr. (10-7), 28’ cp. Bozzo (13-7), 38’ cp. Lemene (13-10), 9’ st. cp. Naressi (16-10), 20’ st. m. Naressi tr. Bozzo (23-10), 33’ m. Damo tr. Bozzo (30-10).

Ultima modifica: 28/03/2011 alle 00:16

Indietro